Articles, Blog

TIDAL VS CD – La sfida!

TIDAL VS CD – La sfida!


Hi everyone from Davide and Matteo from Audiocostruzioni my youngest child today we present something a bit particular let’s take a test, practically on TIDAL which is one of these platforms that provides us music in high resolution, very comfortable let’s see if it is actually in high resolution or not practically we do a test with a Cocktail X14 which we have back here and its player which is a computer player very very simple, let’s try to insert the cd in here  then later listen to it also with TIDAL let’s see the differences a bit, so let’s talk a little bit about Tidal first for those who do not know what Tidal is, what it offers us, how much it costs, where we can use it and finally we do this listening test a little fast with our microphones to see if it is actually the quality as they say  and high quality or simply no first of all, Tidal was launched in 2014 by a company called Aspiro a Norwegian company and then, I won’t tell you the story however it was acquired by a rapper a singer, Jay-Z, probably the younger ones know him Tidal claims to be the streaming service, so he puts himself on a par with Spotify, Deezer, Qobuz and more that pays more as royalties to the authors, they say they pay more the authors based on how many reproductions are made on their service through their service, a thing that may please but we users will not change anything there are two Tidal plans, Tidal premium in which we have an mp3 format, therefore a format that is in all comparable to Spotify, therefore we have mp3 quality at 320 kbit / s in very normal quality, let’s say the quality right now on YouTube if you watch 1080p video then you have mp3 as audio i mean 320 kbit / s the quality is that and we pay it 9.99 euros per month after Tidal Hi-Fi which costs 19.99 euros per month, this service gives us more possibilities compared to the Tidal premium, Tidal Hi-Fi has two different types of files inside we are talking about 16 bit / 44 kHz FLAC and 24 bit / 192 kHz MQA files if you are an expert on CD players, you know that most CD players read at 16 bit / 44 kHz consequently this service in 16 bit / 44 kHz FLAC format it will be compared to the standard cd player and we will do just the test on this type of service just to give a bit of contextualization Tidal initially there were very few songs and it was difficult to use it, it was not supported by all the services as it is today. now in fact we have, if I’m not wrong, around the 40 million tracks in the software however the question is that these tracks in MQA format that go beyond the cd quality as I said before, MQA 24 bit / 192 kHz is informed, we want to go beyond the quality of the CD through this streaming service are much less if I’m not wrong around 30,000, anyway I’ll explain later now we come to the type of support that must be used to have a Tidal that is 100% functional in all respects we use with the Cocktail Audio x14 for those who have not yet seen here Davide and I have made a review in which we briefly explained its functionality inside the Cocktail Audio x14 we have the opportunity to take full advantage of all the Tidal services in fact we can use the internal DAC that fully supports this MQA technology as I said before other DACs, which we can already have at home or that we can purchase may not fully support this MQA quality because it is in a format that goes above the various formats, FLAC and WAV and for this reason it is superimposed but not aligned and therefore it is necessary that the record companies enter into contracts directly with Tidal to provide Tidal services, therefore to send to Tidal servers and to have available on our devices the files in this MQA format, it is not that we can take a song and transform it into MQA partnerships are needed and for this reason there are 30 thousand compared to 40 million Tidal Hi-Fi therefore in normal Hi-Fi format, 16 bit / 44 kHz as I said before, it is necessary to have a DAC that fully supports our Tidal that this fully supports this MQA format what if we don’t have a DAC that supports us this format for example the other day I connected in the McIntosh MA7900 I could not reproduce the music reproduced by Tidal at 100% quality I can get to the maximum 24 bit / 96 kHz or 24 bit / 88 kHz so I have 100 kHz less sampling rate it may seem nothing, however, the sound actually changes a lot and for this I tell you in network streamers that we can have within which we can have everything integrated we can benefit from 100% quality of these Tidal formats, but also with many other external DACs that can be purchased which are beginning to support this Tidal MQA format more and more I would say that for this brief introduction I am okay now we go the listening test, what we will try, we will try new songs, we changed our usual test songs and in particular we will find Evil Knievel and a piece of classical music so we have a fairly complete spectrum but we’re going to compare the Tidal Hi-Fi format, so 16 bit / 44 kHz with cd cd that we have at home and we always use the DAC inside our Cocktail Audio we can’t let you hear files in MQA format because we don’t find without copyright and otherwise they will have problems that the video could be pulled from YouTube anyway we go to the listening test, then we start the test using Cocktail Audio x14 we start from the cd, then from the format that we all know we use the McIntosh MA7900 and the Sonus Faber Sonetto 1 I was behind that I listened a little to the various differences perhaps you also perceived them from home, even if I understand that it is not easy but here on the spot the big difference that I noticed is the depth which of course Tidal gives you with a little less depth there is Hi-Fi, it’s not that the speakers are more gloomy and less gloomy, with more bass or what this depth is a bit lacking, then we tried Tidal Hi-Fi format so 16 bit / 44 kHz like the cd, I didn’t say before but until the end of the year, I’ll leave you also where the link in description you can sign up for Tidal and subscribe for five months, I think 5 euros 4 euros now I don’t remember, however, we don’t earn anything whether you sign up or not it can simply make us happy, so you can try it and above all you can try the MQA format what goes beyond the cd format that I explained a little before what it is and you can try it at home with your speakers with your speakers if it actually goes over the cd may like, may be of interest as things but how much does that cost per month? The same, 20 euros we can have some tracks that are in cd format and some that go beyond the cd, those are the partnerships that those record companies are made of, some there are some not, like Pink Floyd I’m not informed master and all new artists are informed 24 bit master we always have news, I tell you that Tidal is still comfortable because for example now the other son liked sugar we didn’t buy it every morning he puts on sugar, then after he puts on some other strange things that I don’t know however there is everything greetings from Matteo and Davide Bye

67 comments

Complimenti a entrambi e mi congratulo con tuo figlio. Ma Ricordagli che lavora per te non per tidal ahahah 😛
Comunque siete stati fin troppo buoni con tidal e lo capisco, ma in realtà rispetto ad un lettore cd fatto bene non c’è paragone. Una profondità sconosciuta a tidal e anche un immagine migliore e semplicemente naturalezza del suono. Non so da cosa dipende ma è così. Ho fatto diverse prove. E le ho fatte anche sulla mia ragazza che pensa la stessa cosa e io non le dicevo niente. Poi ripeto se aveste usato un lettore cd con una buona meccanica e una buona sezione analogica l’avrebbe stracciato ancora di più. Voi avete usato un lettore da pc!!!

Bel video 👍🏻! Un appunto, nel piano premium il formato è AAC non mp3. Giusto per precisazione anche se non cambia molto la qualità nei formati lossy 😉

Precisazione: nel video quando si parla di brani MQA disponibili su Tidal si parla di 30 mila ALBUM non brani 🙂
Recensione Cocktail Audio X14: https://youtu.be/tjVSe4Ctapg
TIDAL HiFi a 5€ per 5 mesi(valido fino al 30 dicembre): http://bit.ly/2Pw2bMQ

Ciao Matteo e Davide, questo video è fantastico, troppo interessante! È bello vedere un padre e un figlio insieme che condividono le stesse passioni, grandi 😉 Caro Davide volevo dirti che anch'io come l'altro tuo figlio amo Zucchero, sono un suo grande fan da sempre 😂👍 non poteva essere altrimenti se si ama la qualità e la buona musica. Vi saluto e vi auguro buone feste, Like già messo, ciao buona serata, sempre il top 😉

Bellissimo video in coppia Davide & Matteo , i miei complimenti a Matteo per la bravura nelle spiegazioni, grazie del confronto interessantissimo, ero proprio curioso di sapere se ci fossero differenze e grazie alle vostre considerazioni ho capito che in un impianto di livello si percepiscono bene, quindi mi godo ancora con più soddisfazione il mio bel lettore cd anche perché toccare con mano un supporto fisico a me personalmente piace molto! Tanti auguri di buone feste!!

Ma mi spiegate l'utilità di usare un microfono qual'è? Veramente non capisco. Se l'obiettivo è quello di restituire all'utente di youtube la qualità che percepite voi li dal vivo lasciate perdere. Come giustamente dice il figlio di Davide la compressione di youtube (ed il setup di ascolto) vanificano il tentativo.
Per quanto riguarda la "profondità" della scena sonora io non sono riuscito a percepire differenze (nel mio setup) fra CD e file liquido. Attenzione che a volte le versioni Tidal di alcuni album potrebbero non coincidere con la registrazione della versione CD.
Per quanto riguarda il formato MQA, che ricordo essere un formato "lossy" quindi con perdita d'informazione, devo dire che a volte lo preferisco a volte no… boh… io so solo che se il master originale è fatto bene un file a 16bit 44khz sia su CD che in streaming suona molto più godibile rispetto ad un brano ad alta definizione registrato con i piedi.

😀👍è belli vedere padre e figlio lavorare assieme. (Il papà è analogico il figlio è digitale ) tuo figlio si può considerare fortunato ha un ottimo maestro ciao Davide. Grazie 👍👍👍

con un DAc buono tidal in bitperfect batte tutti……per non parlare di tutti i cd rimasterizzati e in master presenti nel catologo

Video bellissimo per la collaborazione padre/figlio e interessantissimo per l'argomento trattato specialmente in un epoca in cui l'hi-fi è sempre più smart

Che bravo Matteo!! Complimenti. Mi permetto di suggerire anche la piattaforma Qobuz forse più fornita di titoli Hi- res e più o meno dallo stesso prezzo mensile

Che tu non ci guadagni niente con Tidal ci credo poco, voglio indagare. Secondo me hai comprato minimo il 51% delle azioni. Spiegami una cosa: Matteo è stato il primo esperimento di clonazione migliorativa al mondo? Non riesco a capire quale sia stato l’apporto della mamma. Il ragazzo ne sa qualcosa in più di te. Partenza in sordina per poi cavarsela egregiamente, bravo. Devo dire che pure essendo della tua scuola ho capito. È meraviglioso il rapporto che avete. E non te ne uscire con frasi fatte del tipo: non ti ascoltano, fanno come vogliono, capiscono tutto loro. Se non fosse così li dovresti portare da uno bravo. Grandi, belli e bravi ragazzi e genitori dai.

Poi tidal e anche partita nel proporre file audio nel nuovo formato Sony 360 reality audio , per ora solo pochi brani ma se aumenteranno i master ricodificati 360 r.a. da parte delle etichette discografiche tidal e la prima piattaforma ad offrirli. Devo dire che soprattutto in cuffia il suono 360 e molto avvolgente sembra quasi di trovarsi sul palco con i musicisti intorno . Ottimo

Bravi. Un unica accortezza di tipo "tecnico". Quando registrate la voce con il vostro registratore Olympus impostatelo su mono e non stereo. È fastidioso sentire in cuffia il Pan della voce che si sposta a destra e sinistra mentre la testa di chi parla si muove. La voce non ha senso registrarla in stereo a meno che a parlare non siano più persone. Grazie 1000

Bene l'evoluzione nel campo audio…ma per me è uno spreco spendere soldi per avere questi servizi…preferisco sempre il supporto fisico, ammetto però che uso Spotify solo free per ampliare le mie conoscenze e nuove uscite..comunque sempre piacevoli e interessanti questi video..anche io uso un pc collegato in digitale al mio amplificatore integrato musical fidelity m5si..

vi invito a provare anche il formato premium flac 16bit di deezer se magari si avvicina di più al cd, io mi son trovato sempre molto ma molto bene!

Utilizzo Tidal da diversi anni. Utilizzo un EEEPC con DAC USB della Creative, connesso ad un amplificatore per cuffie della Pro-ject. Come cuffie le Grado SR 225, brani in qualità Master.
La sensazione è più o meno, a seconda del brano ascoltato, la stessa: grande pulizia, dettagli, suono sicuramente HiFi. Ma manca quella corposità, quella rotondità, non so come descriverla esattamente, che il CD mi restituisce.
Comunque un ottima app, a 5 euro, vale sicuramente la spesa, rispetto alle altre come Amazon Music o Spotify, è di un livello sicuramente superiore.

Piiu' piccolo un par di balle, de ne da gia' una spanna in altezza 🙂 Bravo Matteo!!!! Solo chi nasce in mezzo a queste cose puo' capire la differenza tra la vera hifi e tutto il resto. Peccato Matteo dovrebbe prendere un po' di sti ragazzi della sua eta' che vanno solo di mp3 e spiegargli due cose….. altrimenti le nuove generazioni perderanno questa peculiarita' di capire certe differenze.

Una volta sottoscritto Tidal, ricordiamoci, che lo si puo' utilizzare anche in auto. Ci si ascolta dischi completi, senza interruzioni, ed in altissima qualita'. Spotify base…lasciamo perdere…ciao!

va beh cmq se il flac ha la medesima risoluzioni del cd nulla cambia! non sono formati analogici, se sentite delle differenze é perché la registrazione di partenza può essere diversa! detto questo ciò che può fare la differenza é il dac utilizzato per la conversione da digitale ad analogico per il resto é fuffa!

Bravissimi nello spiegare come sempre. Da me al lavoro vi ho fatto conoscere a chi ama la musica e vi ascoltano tutti. Complimenti!
La musica liquida per carità è comoda per i giovani come me (40 anni), ma avere tutto subito, non mi fa ascoltare la musica con la giusta attenzione.
Per ora mi concentro sulla scelta dei diffusori da scaffale, anzi se avete un consiglio per non spendere più di 300/350 euro, sono tutto orecchi

Scusate la domanda… ma come fate a confrontare due codifiche digitali senza parlare del master da cui siete partiti? Magari sono due edizioni (masterizzazioni) diverse dello stesso album e la differenza, a mio parere, può stare proprio li… Un saluto da Maurizio di Audiofilando!

Allora non sono solo io che rimanevo scontento da tidal! mi e sempre mancato qualcosa nel suono, ma non avendo molto tempo mi ero ripromesso di fare qualche prova. Dovevate provare anche quelli master ma da prime impressioni che mi riprometto di approfondire anche quelli non mi sembrano dare quel che promettono mah!

Grandissimi Davide e Matteo! Sembra farlo apposta ma anch’io nelle ultime ore ho fatto una prova analoga.. Premetto che è da alcuni mesi che sono abbonato a TIDAL Hi-Fi. Ho un piccolo NUC collegato ad un vecchio TEAC UD-H01 quindi il formato MQA viene tramesso in modalità “core” solo sino a 88,2 o 96 Khz. Ho confrontato al momento alcune tracce su Spotify (versione free), Amazon Music e Tidal e la differenza dal primo all’ultimo è notevole in termini di scena sonora e profondità. TIDAL si avvicina molto alla qualità CD , ma , come correttamente avete detto Voi senza mai raggiungerla. Piccola precisazione: tramite full decoder o renderer i file MQA possono arrivare sino a 384 o 768 Khz, dipende dalla qualità dei master. Su questi ultimi , con i limiti del mio DAC… la qualità aumenta ulteriormente ma se da una parte la profondità delle frequenze medio basse migliora considerevolmente, a mio avviso manca ancora qualcosa sulle alte frequenze….comunque la direzione è ormai segnata… anche se noi amanti del supporto fisico avremo grosse difficoltà ad abbandonarlo….anche perché …nulla batte il vinile !!! Auguri di Buone Feste a Tutti !!!

Ciao Davide e Matteo! Ottimo video come sempre e spiegato nel dettaglio! Tidal è un ottima soluzione per avere “tutta” la musica del mondo in maniera legale e soprattutto in ottima qualità! Sinceramente consiglio la versione hifi per chi è interessato è un po’ caruccia ma ne vale la pena! Se non si ha un setup di ottima qualità che garantisca di sentire la differenza forse è meglio la versione normale e a parità di prezzo preferisco Spotify! In ogni caso io trovo sempre una leggera differenza tra il vero cd e la equivalente versione ascoltata in streaming! Forse è una questione anche psicologica ma il centrale mi appaga di più! Per la comodità però nulla da dire! Ciao simpaticissimi e professionali come sempre alla prossima!!

I miei complimenti 👍 ottima esposizione. Davide è giunta l'ora di lasciare il trono al nuovo erede ? Un cordiale saluto e Buone Feste, da Maurizio di Mauri HiFi

Ciao, potreste fare un video dedicato ai portatili (Fiio ecc.) e sui vari caschi bluetooth? I Dac collegati al cellulare funzionano bene?

La qualità da sorgente cd e' più analogica e naturale ma temo che formati a parte la vera differenza la fa la qualità del dac in sé e questo non e' certamente al top delle aspettative in particolare nella disastrosa riproduzione del file tidal 16 bit

Essendo dati digitali, senza perdita perchè non ci sono compressioni, con la stessa frequenza di campionamento e lo stesso numero di bit, non può esserci alcuna differenza tra le due sorgenti. La differenza, se c'è, è da ricercare nella parte analogica, cioè nel DAC o nella parte di preamplificazione.

Molto interessante, ma, oltre alla differenza di profondità nell'immagine sonora tra CD e Tidal, riguardo al jitter, la famosa distorsione dovuta a una irregolarità del clock nei segnali audio digitali, la differenza tra CD e Tidal quale sarà? Non è certo un parametro irrilevante, anzi, direi che in una prova d'ascolto che si rispetti non possiamo proprio ignorarlo. E il Tidal lo regge il confronto?

Buongiorno. Bel video vi seguo da un po' di tempo. Sempre interessanti le prove e le recensioni. Anche se non potete mostrare musica coperta da copyright potete far sapere lo stesso la vostra impressione tra MQA e CD ? Penso che oltre alla qualità della codifica, incida anche la meccanica di lettura ( differente tra file e CD)

Ho il mese gratuito di Tidal e spotify premium.
La mia esperienza è che Tidal in effetti sembra piu “ flat “ come suono.
In cuffia si sente subito il volume un po’ piu basso e dà un po’ meno l’ effetto “ WOW “.
La cosa che mi è piaciuta che con le mie casse monitor amplificate KRK è che puoi sparare al massimo il volume e il suono rimane perfetto.
Quello che penso è che non convenga spendere cosi tanto a sto punto e optare per spotify.
Sarei curioso di ascoltare Tidal con un impianto che mi faccia sentire la differenza.
Ps. Ma non è scomodo quel Dac, nel monento in cui dobbiamo cercare un brano?

Siete sicuri che avete paragonato le stesse edizioni dei CD? Altrimenti la prova è nulla, su Tidal molti 16 44 saranno rimasterizzati e questa è già una perdita in quanto spesso sono compressi. In versioni identiche non 'c'è alcun motivo perché gli ascolti cambino, a meno che non si cambi il DAC. Siete bravissimi e simpaticissimo ma la vostra prova in termini tecnici è nulla.

Secondo me sarebbe interessante se faceste anche delle prove sul master (proprio l'altro giorno stavo ascoltando in master i Pink Floyd, ci sono in formato Master, The Later Years), credo sia il vero valore aggiunto di Tidal. E ci sono davvero molti brani

In realtà i PF ci sono in MQA 😀 Comunque su un DAC normale che supporta almeno i 24bit 96khz impostando Tidal in modo che prenda il controllo unico dell'audio (su PC ad esempio), i file MQA vengono riprodotti a 96khz invece che 129khz, convertiti in PCM al volo.

Ciao Davide tuo figlio ti assomiglia . Bello passare questa passione per le future generazioni. Secondo me trovo il suono dello. Streaming leggermente inferiore alle.,Madie fisiche credo che il traffico dell seniale digitale che va delle varie parti della rete i vari Router, modem ,ripetitori server alla fine iil jffter ( distorsione digitale di sincronia dell clok). provoca una certa imprecisione. Nalla purezza dell suono ma e solo una impressione che a volte mi vine in mente ,Poi il discorso della compresone sonora fatta dallo piattaforma di strimnig per "equalizzare" le varie fasci di album diverse tra di loro in uno stesso livello di volume generale può degradare o no il suono .Comunque e solo un mio pensiero personale .

Matteo e Davide… il formato MQA a casa non si prova se non si ha l'hardware idoneo a gestirlo, questo sarebbe bene specificarlo chiaramente… così come chiaramente andrebbe detto che è proprio nel MQA che si nota il netto stacco rispetto al cd (quando entrambi abbiano una registrazione buona), se ci si limita al 320kbs allora meglio Spotify premium con una fruibilità maggiore (app. più matura).
Comunque bravi e coraggiosi… ora vi arriveranno una tonnellata di improperi dai talebani dei cd player sulle triple punte con cavi da un miliardo di euro e mille mila cd a occupare spazio… mentre invece è nello streaming il futuro, volenti o nolenti

Non so cosa intendete per profondità, però a me è sembrato che con tidal il suono sia più ampio e piacevole mentre il cd un pelo più caldo…ho avuto il piacere di utilizzare Qobuz e lo trovo nettamente superiore a Tidal anche come interfaccia alla lunga tidal stanca…comunque il Vinile è sempre il vinile

Ciao Davide, l'altra volta notavo che assomigli a un attore degli anni 50, tale Mario Feliciani, qui e un commissario di polizia in una scena del film i soliti ignoti https://www.youtube.com/watch?v=9FHl-F27-Gw dal secondo 14 circa, sei troppo forte

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *